sabato 14 dicembre 2013

IL MIO ALBERO

Molte storie e leggende ci raccontano della nascita dell’albero di Natale.
C’è chi lo fa nascere addirittura al medioevo.
Era considerato albero sacro anche in Egitto, imitava le gigantesche piramidi e aveva doti propiziatorie.
In Europa le popolazioni nordiche lo adottarono per celebrare il solstizio d'inverno.
I primi alberi recisi venduti a New York a metà del 1800 fecero molto successo. Per fortuna in Germania nacquero quelli artificiali e questa bella idea fu subito imitata dagli americani.
Ma la sua nascita ufficiale come albero di Natale risale al 1600 quando Goethe ne “I dolori del giovane Werther” fa una descrizione minuziosa dell’albero.
I frutti, le mele, i dolci e le caramelle sono state via via sostituite con palle decorate e ghirlande. Le dodici candele sull'albero che rappresentavano i dodici mesi dell'anno sono state modernizzate con sofisticate lampadine intermittenti di vario colore.

Ma l'elemento comune a tutti i racconti sul nostro caro albero è quello del simbolo che rappresenta… un albero sempre verde, pino, frassino o abete…la vita che continua e l'attesa del ritorno della primavera.

Quello di casa mia…








4 commenti:

  1. Mi piace, è semplice e moderno. Le decorazioni della terza foto sono bellissime.

    RispondiElimina
  2. Originale e particolare! Complimenti anche per le foto curatissime.
    Ciao Tessa

    RispondiElimina
  3. Molto fine ed elegante... complimenti!!!
    Buona serata...

    RispondiElimina

grazie per il tempo che mi hai dedicato per lasciare il tuo commento!