domenica 5 gennaio 2014

Portogruaro piccola Venezia


Non molto lontano da Venezia, a metà strada tra Trieste e la serenissima c'è un piccola cittadina di cui è impossibile non innamorarsi.
Vi si accede passando da una delle tre porte medievali rimaste che anticamente consentivano di entrare e uscire da Portogruaro completamente cinta dalle mura.


Della storia passata più recente restano i maestosi palazzi porticati, dalle linee gotiche e rinascimentali dai grandi portoni che danno sulle due strade parallele al fiume del centro storico, gli androni, i cortili interni con le  barchesse che danno sul fiume.
Ci immergono in un'atmosfera tipicamente veneziana di una città mercantile che, come suggerisce il suo nome, nasce sulle sponde del fiume Lemene, quale porto fluviale.
Indissolubile è il suo legame con l’acqua…


Nella piazza principale padroneggia il maestoso palazzo municipale gotico, coronato da caratteristici merli ghibellini.



L'Oratorio della Pescheria con la cappella in legno.




Il campanile pendente del Duomo!


In ogni angolo un caffè dove ci si può sedere a fare due chiacchere, e le osterie dove ci si incontra davanti a un bicchiere di vino, la tradizionale passeggiata lungo il listòn e quando piove ci si può infilare sotto i portici a passeggiare.



Un tempo lungo il corso del fiume Lemene, arrivavano le merci che dalla laguna veneta venivano trasportate sul fiume fino all’interno.
La felice posizione attraversata dal fiume ha favorito l'insediamento di opifici e mulini azionati dalla forza del tranquillo Lemene, straordinaria via di comunicazione.
I due antichi mulini costruiti in epoca medievale in mezzo al fiume, ora sono sede di mostre ed esposizioni.


Appena fuori dalla cinta muraria il Fondaco del commercio e la dogana sorgevano nell’antico quartiere commerciale della città e furono luogo di smistamento di merci di ogni tipo provenienti dalla Germania, dal Friuli e da Venezia. Proprio di fronte al “Fondaco” a cui si accedeva attraverso il monumentale arco di pietra sorgeva una locanda dove ristorarsi e pernottare. Ancor oggi è possibile alloggiare in questo locale, l’attuale Bed&Breakfast La Dogana.


Un ristorante che si ispira alle brasserie parigine con una atmosfera calda e cordiale, propone piatti raffinati e di qualità.
Alcune mie opere saranno esposte lì per qualche tempo ….






A Portogruaro hanno dato lustro personaggi come Antonio Carneo pittore del 1600, Ippolito Nievo che era spesso ospite a palazzo Fratto, Lorenzo da Ponte, librettista di Mozart e il futurista Luigi Russolo che nacque a palazzo Altan-Venanzio.
Molti altri personaggi importanti tra cui grandi musicisti provenienti da tutto il mondo soggiornano a Portogruaro durante il prestigioso Festival Internazionale di Musica da Camera che si tiene ormai da molti anni a fine agosto.

Spero di avervi fatto venire la voglia di passare un giorno per Portogruaro, magari se siete di strada per andare nelle spiagge delle località balneari del Veneto!



4 commenti:

  1. La voglia me l 'hai fatta venire certamente, Portogruaro è una cittadina davvero splendida, grazie per le foto!!!
    Complimenti per le opere esposte... brava!!!
    Bacioni, Buon Anno e buona Epifania...

    RispondiElimina
  2. Grazie carissima Ely. Un sereno 2014 anche a te!!!

    RispondiElimina
  3. Di sicuro, questo è un posto meraviglioso, degno di essere visitato! Una buona scelta per una vacanza. Hai descritto tutto molto interessante.

    RispondiElimina
  4. grazie per essere passata da me e per esserti aggiunta ai miei followers, ho ricambiato con vero piacere ! Delizioso il tuo blog e questo post, conosco poco Portogruaro, dovrò ritornarci con calma...Buona serata

    RispondiElimina

grazie per il tempo che mi hai dedicato per lasciare il tuo commento!